“I genitori dovrebbero riflettere sul loro ruolo nella vita scolastica del  figlio e se hanno partecipato alle attività accademiche della scuola. Lle istituzioni devono mettere in discussione e rivedere i curricula, modello  del sistema pedagogico e di valutazione per sapere cosa ha potuto provocare il fallimento”, I genitori, inoltre, dovrebbero sedersi e discutere con i college su cosa
Si aspettano da loro e come possono aiutare.
“Se un bambino fallisce, inizierei a scuola. Questo deve fare un esercizio  di valutazione in cui gli insegnanti analizzano i motivi per cui
ha dato il fallimento della scuola, cosa hanno programmato e programmato, cosa è stato realizzato e se  ciò che è stato implementato supporta o meno lo sviluppo dell’apprendimento “.

Secondo lei, le istituzioni dovrebbero rivedere se i loro curricula e  la valutazione è stata implementata correttamente. Se l’insegnante, aggiunge, non lo fa  una buona diagnosi della causa della riprovazione, può prendere decisioni  sbagliato.

L’esperto insiste sul fatto che le istituzioni devono sforzarsi di assicurare che le loro  gli studenti imparano con piacere e, anche se l’educazione è un diritto, deve andare  legato a certi obblighi.

“È necessario mettere sul tavolo se ciò che ha causato la perdita dell’anno scolastico è stato  disorganizzazione, mancanza di abitudini o il risultato di qualche difficoltà. Non c’è  punirlo o dire “te l’avevo detto”, ma fagli capire quali abitudini dovrebbe avere
modificare, e se la difficoltà persiste, cercare un aiuto esterno “, dice Paula  Bernal, psicologo di bambini e adolescenti.

Ci sono studenti che hanno perso l’anno perché sono stati emotivamente  colpiti dal divorzio dei loro genitori e dal poco interesse che gli adulti  spettacolo.

Da qui l’importanza di rivedere l’ambiente familiare del bambino e guardare,  esempio, se c’erano permessi e libertà in eccesso. “Se fosse il risultato di a  comportamento irresponsabile, è fondamentale pensare al ritiro dei benefici, ma in  un clima piacevole “, aggiunge Bernal.

Gli studenti, nel frattempo, devono fare un’autovalutazione su quale  è stata colpa sua e come correggerla.

Il direttore dell’Istituto impariamo www.istitutoimpariamo.it,  invita i genitori a non rimuovere da scuola  i loro figli e li sostengono nel superare le loro carenze e scuole, rafforzare  cultura e sport nei curricula per mantenere gli studenti.

Promozione anticipata.

Il decreto stabilisce che se un bambino non supera il livello, riceve un  programma di accompagnamento, progettato per lui, in cui lavora i suoi difetti  (questo sarebbe durante le vacanze), in modo che il prossimo  una nuova valutazione è fatta e, se sta andando bene, il corso è promosso.

Questo è chiamato promozione avanzata.

Il Ministro della Pubblica Istruzione, dice che è un’opzione per
abbassare i tassi di fallimento. “Il bambino che dovrebbe assolutamente ripetere il
anno scolastico, la legge ordina che ti sia garantita una quota, che ripeti nella tua
scuola “.