Una ricarica di gas nel nostro climatizzatore non dovrebbe MAI essere necessaria, a meno che non abbiamo una perdita di gas nel nostro circuito di refrigerazione, queste perdite di gas possono verificarsi per diversi motivi e prima di qualsiasi ricarica deve essere riparata la perdita, per questo dobbiamo prima identificare il guasto del nostro condizionatore che genera una mancanza di refrigerante e una volta che il problema è chiarito, rivolgersi a una ditta specializzata in codizionatori come www.soluzioniclima.com

Ricarica condizionatori Torino: ecco a chi rivolgersiIn caso di dubbi sul fatto che il condizionatore d’aria sia privo di gas o se è necessario individuare questa perdita, questi due elementi vi aiuteranno a determinare se vi sia o meno una mancanza di gas e, in caso affermativo, cercate di individuare l’esistenza di questa perdita di gas.

Come determinare se un condizionatore d’aria è scarico

 

Se siamo già sicuri che il nostro climatizzatore è senza gas, abbiamo cercato la perdita e l’abbiamo riparata, ora è il momento di fare una ricarica di gas per dare vita alla nostra aria condizionata, per questo e soprattutto per farlo bene, avremo bisogno di diversi utensili tipici di qualsiasi frigorifero:

  • Pompa del vuoto
  • Manometro
  • Scala
  • Bombola di gas refrigerante

 

Passaggi da seguire per effettuare una corretta carica di gas

Collegamento dei manometri

Individuare il beccuccio (o gli beccucci) e posizionare ciascun tubo flessibile in posizione.

La prima cosa che dobbiamo fare è collegare i tubi del manometro all’obice del nostro impianto di climatizzazione. Ci sono macchine che hanno due prese di guscio (alta e bassa pressione), mentre ci sono altre macchine che hanno solo una presa, queste ultime sono di solito le unità split e il più comune in ogni casa. Questa presa sarà ad alta pressione quando la macchina è in funzione nella pompa di calore e a bassa pressione quando è in funzione in modalità freddo.

Se l’apparecchiatura dispone di due porte per l’obice, collegaremo il tubo rosso alla porta di alta pressione e il tubo blu alla porta di bassa pressione.

Se l’apparecchiatura dispone di una sola presa per l’obice, a seconda del periodo dell’anno, è necessario collegare una o l’altra, quella blu se si intende accendere la macchina in modalità freddo e quella rossa se si intende accendere la macchina in modalità pompa di calore, come questo obice diventerà alta o bassa pressione a seconda se si seleziona una o l’altra modalità di funzionamento.
Effettuare il vuoto

Una volta che il manometro è stato collegato alla/e presa/e dell’obice, il tubo giallo (quello centrale) deve essere collegato alla presa della pompa del vuoto, in quanto è consigliabile e necessario avere un buon vuoto nel circuito di refrigerazione prima di caricare il gas.

Per diversi motivi è necessario aspirare il circuito frigorifero della macchina:

  • Elimina l’aria nel circuito frigorifero.
  • Rimuove l’umidità eventualmente penetrata nel circuito frigorifero.
  • Aiuta a caricare il gas, in quanto l’estrazione dell’aria dall’interno del circuito aiuterà il gas refrigerante a entrare molto più velocemente.

Una volta fatto questo, accenderemo la pompa del vuoto e la lasceremo funzionare per “un po’ di tempo”, ma che cosa è “un po’ di tempo”? Dipende dal tipo di installazione, dalle dimensioni della macchina e dalla distanza dei tubi, dalla potenza della pompa del vuoto e anche dal tipo di perdita e dal tempo in cui la macchina è rimasta senza gas, ma se ci sono dubbi è meglio rimanere a lungo piuttosto che a breve per un breve periodo.

In generale, se una macchina non ha perso il 100% del suo gas, non è possibile che aria o umidità entrino nel circuito, in quanto qualsiasi piccola quantità di gas rimasta nel circuito di refrigerazione sarà sufficiente a mantenere la pressione di questo superiore alla pressione ambiente e quindi impedire che l’aria entri.

Riempimento a gas

Una volta che il vuoto è fatto, è il momento di riempire con gas. Poiché esistono attualmente molti tipi di gas refrigeranti (R-22, R-407, R-410, R-424, ISCEON, ecc.), alcuni azeotropi e altri no, caricheremo il gas nel modo valido per qualsiasi tipo di gas: questa modalità sarà liquida e in peso.

Perché è necessario caricare il gas con il refrigerante in forma liquida?

Per effettuare questa carica di refrigerante avremo bisogno della bilancia e della corrispondente bottiglia di refrigerante, poiché per farlo nel modo migliore dobbiamo fare come abbiamo detto in peso e con il refrigerante allo stato liquido.

Prima di posizionare la bombola sulla bilancia, è necessario prendere in considerazione la bombola del gas.

Posizionare il flacone sulla scala correttamente

Secondo i produttori esistono molti tipi di bombole, alcune hanno due uscite separate per gas e liquidi, altre hanno solo una uscita senza manicotto o con manicotto. E’ importante essere chiari su questo punto, perché dipende dal fatto che dobbiamo o meno capovolgere la bottiglia.

La prima cosa che dobbiamo fare è mettere la bombola di gas refrigerante sopra la bilancia e collegare la presa gialla che avevamo collegato alla pompa del vuoto alla presa della pompa del vuoto, una volta fatto questo dobbiamo girare sulla bilancia in modo che sia impostato a 0,000 kg, come si controllerà il carico e la quantità di gas che entra come la bombola perde peso.

Avendo tutto questo a disposizione, dobbiamo aprire la bombola e poi aprire il manometro per lasciare il posto al gas e iniziare a entrare nel refrigerante del nostro condizionatore d’aria. Il tempo di ricarica dipenderà dalla pressione della bombola, dalla quantità di refrigerante, dalla temperatura, ecc., ma sarebbe sufficiente tra i cinque e i dieci minuti a meno che la pressione di entrambi (bombola e macchina) non sia equilibrata e non ci permetta di immettere più gas, in questo caso sarà necessario avviare la macchina per abbassare la pressione e aspirare il gas.

Ricordate che la carica di gas con il nostro funzionamento di aria condizionata sarà possibile solo a causa della bassa pressione, quindi se abbiamo attrezzature che ha due obici (alto e basso) ci aprirà solo in questo caso per continuare la carica di refrigerante a bassa pressione e se la nostra unità ha una sola presa di howitzer, sì o no dobbiamo accendere l’unità in modalità freddo o secco perché in modalità calore la pressione aumenterebbe troppo e noi faremmo l’effetto.

Una volta che vediamo sulla nostra scala che la stessa quantità di gas come la nostra attrezzatura ha bisogno è stata sottratta, ci sarà chiudere la bombola, chiudere il manometro e finire il lavoro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *